Fabiana Dadone

Perchè andremo avanti con la Manovra del Popolo (spiegato bene!)

di Marialuisa Faro, capogruppo della commissione Bilancio MoVimento 5 Stelle Camera

Come tutti sapete pochi giorni fa la Commissione Europea ha bocciato la Manovra del Popolo. Davvero un 2,4% di deficit è così grave? Non ci sembra proprio, visto che negli anni passati la stessa Commissione ha promosso senza riserva manovre che hanno prodotto deficit anche più alti. Nel 2012 il tecnico Monti chiuse l’anno con il 2,9% di deficit. Il governo Letta confermò quel dato nel 2013 e nel triennio Renzi non si scese mai sotto il 2,5%. Anche il governo Gentiloni, infine, chiuse il 2017 al 2,4%, lo stesso livello di deficit che centreremo noi nel 2019.

Qual è la differenza? Il nostro deficit è coraggioso ma pienamente sostenibile, anche perché ci aiuta a finanziare misure di crescita. I governi precedenti hanno fatto deficit superiori per finanziare misure a favore dei soliti noti. Gentiloni creò dal nulla un fondo di 20 miliardi di euro per ricapitalizzare le banche, Letta aumentò la spesa per armamenti a livelli record e Monti riuscì a fare più deficit di noi mentre massacrava i pensionati con la Fornero e reinseriva l’IMU sulla prima casa. Renzi non fu da meno: fece 3, 2,6 e 2,5% nei suoi tre anni di governo distruggendo i diritti dei lavoratori col Jobs Act.

Noi, col 2,4%, andremo a finanziare misure come il reddito di cittadinanza, quota 100 per aiutare i pensionati colpiti dalla Fornero, la detassazione per partite Iva e imprese e il rilancio degli investimenti pubblici produttivi. E la Commissione Europea che fa? Ci boccia!


Source: Fabiana Dadone

Tags
Mostra di più

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

Questo sito e gli strumenti terzi utilizzati si avvalgono di cookie tecnici e di profilazione,   necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Privacy-Cookie Policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Privacy-Cookie Policy

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.