Home / Gli attivisti / VIADOTTO SARTI (EST-OVEST CUNEO): L’EROSIONE PIU’ VELOCE DELLA STORIA!

VIADOTTO SARTI (EST-OVEST CUNEO): L’EROSIONE PIU’ VELOCE DELLA STORIA!

Foto: targato.it

Il MoVimento 5 Stelle di Cuneo, non può e non vuole lasciare cadere nel dimenticatoio la questione spinosa per il governo cuneese (in realtà molto semplice) del viadotto Sarti e della Sua manutenzione in relazione al progetto di consolidamento delle fondazioni e corazzamento antierosivo a tutela della stabilità delle pile n. 5 e n. 6 depositato presso il Comune di Cuneo il 13/5/2011 dall’ANAS.

Questione sollevata nel consiglio comunale di Luglio 2018 dai consiglieri Cina e Isoardi, la cui sorprendente risposta della maggioranza PD tendeva a ridicolizzare i consiglieri che si erano evidentemente inventati un problema in quanto il viadotto godeva di ottima salute (come evidenziato nel filmato)

Nel consiglio comunale di settembre (quindi dopo il crollo del ponte Morandi di Genova) per una pura casualità, anche il viadotto Sarti necessitava di interventi di manutenzione. Infatti, il consiglio comunale approva all’unanimità l’ordine del giorno presentato dal M5S di Cuneo

Ora, appurata la fulminea erosione da guinness dei primati e visti i sette anni che sono già trascorsi dalla presentazione del progetto di consolidamento e della stabilità dei piloni 5 e 6 senza che l’amministrazione comunale intervenisse su una questione di primaria importanza per la sicurezza dei cittadini, il Movimento 5 Stelle pretende che l’assessore riferisca lo stato di avanzamento dei lavori in occasione del prossimo consiglio comunale dove, il M5S di Cuneo, presenterà un’interrogazione sull’argomento.

Non vorremmo correre il rischio di ritrovarcelo (magicamente) in ottima salute tra due mesi……

 

Per il MoVimento 5 Stelle di Cuneo: Tommaso Bonaveri

x

Vedi anche

Buona notizia dal piano straordinario invasi: 8,5 milioni per la Valle Gesso

Condividi Facebook Twitter Linkedin Salutiamo, come MoVimento 5 Stelle Cuneo, con misurata soddisfazione l’inclusione nel secondo stralcio del piano straordinario invasi degli impianti della Valle Gesso, nell’ambito di un intervento per rendere disponibile l’acqua invasata anche all’uso irriguo, tramite l’unificazione ...

Questo sito e gli strumenti terzi utilizzati si avvalgono di cookie tecnici e di profilazione,   necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Privacy-Cookie Policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Privacy-Cookie Policy

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.