Home / Fabiana Dadone / Referendum propositivo con paletti e senza quorum

Referendum propositivo con paletti e senza quorum

Foto: democratica.com

Pubblicato su PublicPolicy

“Quando una proposta di legge è presentata da almeno cinquecentomila elettori e le Camere non la approvano entro diciotto mesi dalla sua presentazione, è indetto un referendum per deliberarne l’approvazione”. È quanto prevede il testo base della pdl Referendum, depositato in commissione Affari costituzionali alla Camera dalla relatrice Fabiana Dadone (M5s), di cui Public Policy ha preso visione.

Non sempre il referendum propositivo sarà ammissibile:
“se la proposta non rispetta i principi e i diritti fondamentali
garantiti dalla Costituzione nonché i vincoli europei e internazionali,
se è ad iniziativa riservata, se presuppone intese o accordi, se
richiede una procedura o una maggioranza speciale per la sua
approvazione, se non provvede ai mezzi per far fronte ai nuovi o
maggiori oneri che essa importi e se non ha contenuto omogeneo”.
Sull’ammissibilità del referendum sarà la Corte costituzionale a
pronunciarsi, giudicando “su istanza dei promotori prima della
presentazione della proposta di legge alle Camere, purché siano state
raccolte almeno centomila firme”.

La proposta sottoposta a referendum è approvata se ottiene “la maggioranza dei voti validamente espressi”. Senza quorum, dunque. E se le Camere approvano la proposta in un testo diverso da quello presentato? Se i promotori non rinunziano, “il referendum è indetto su entrambi i testi. In tal caso l’elettore che si esprime a favore di ambedue ha facoltà di indicare il testo che preferisce. Se entrambi i testi ottengono la maggioranza dei voti validamente espressi, è approvato quello che ha ottenuto complessivamente più voti”

 

Di seguito l’intervista rilasciata a Radio Radicale al termine delle audizioni, poco prima della presentazione del testo base.

 

 

Source: Fabiana Dadone

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Vedi anche

ASTI-CUNEO al CIPE come da programma

CondividiFacebookTwitterLinkedinÈ giunta ieri sera al CIPE (Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica) sotto forma di informativa, lo sblocco del cantiere dell’autostrada Asti – Cuneo, come promesso dal Ministro Toninelli durante la visita al cantiere poche settimane fa. L’approvazione del piano ...

Questo sito e gli strumenti terzi utilizzati si avvalgono di cookie tecnici e di profilazione,   necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Privacy-Cookie Policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Privacy-Cookie Policy

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.