Home / M5S Piemonte / PRIOLA, BERTOLA – CAMPO (M5S): “AMIANTO SUL TANARO, PORTEREMO IL CASO IN REGIONE PER OTTENERE I FONDI. INTANTO VALMAGGIA TACE…”

PRIOLA, BERTOLA – CAMPO (M5S): “AMIANTO SUL TANARO, PORTEREMO IL CASO IN REGIONE PER OTTENERE I FONDI. INTANTO VALMAGGIA TACE…”

E’ del tutto evidente che un’amministrazione di 700 anime non disponga di risorse sufficienti per mettere in sicurezza il territorio. La Regione Piemonte stanzi subito i fondi necessari a rimuovere l’amianto sulle rive del Tanaro nel comune di Priola (CN). Presenteremo al più presto in Consiglio regionale un atto d’indirizzo che andrà proprio in questa direzione. Siamo al fianco dei cittadini di Priola che dal 2016, anno dell’alluvione, sono stati ignorati dalla Regione

Da anni ci battiamo per aumentare il fondo destinato alle amministrazioni locali che devono fare i conti con bonifiche di amianto, ottenendo però da Chiamparino e Valmaggia solo briciole. Entrambi sono troppo concentrati sulle grandi opere inutili per prendere in considerazione le vere emergenze del territorio.

Inaccettabile che sull’intero bilancio regionale non si sia mai voluto trovare risorse adeguate per queste emergenze. Davvero singolare inoltre il silenzio dell’assessore all’Ambiente, conscio probabilmente di aver fatto ben poco in questi anni per il suo stesso territorio.

Giorgio Bertola, Consigliere regionale M5S Piemonte

Mauro Campo, Consigliere regionale M5S Piemonte

L’articolo PRIOLA, BERTOLA – CAMPO (M5S): “AMIANTO SUL TANARO, PORTEREMO IL CASO IN REGIONE PER OTTENERE I FONDI. INTANTO VALMAGGIA TACE…” proviene da MoVimento 5 Stelle Piemonte.

Source: M5S Piemonte

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Vedi anche

Racconigi, partiti i lavori per riaprire il parco. Promessa mantenuta

CondividiFacebookTwitterLinkedinIniziati martedì 21 maggio puntuali alle 08.30 i lavori per riaprire il Parco del Castello di Racconigi (CN) che consentono di restituire ai Piemontesi e non solo quello che era stato eletto il parco più bello d’Italia. La ditta incaricata ...

Questo sito e gli strumenti terzi utilizzati si avvalgono di cookie tecnici e di profilazione,   necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Privacy-Cookie Policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Privacy-Cookie Policy

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.