Home / Fabiana Dadone / Taglieremo gli stipendi ai parlamentari

Taglieremo gli stipendi ai parlamentari

 

Di seguito l’intervista rilasciata da Luigi Di Maio al Corriere della Sera

Luigi Di Maio, il 2019 inizia con una serie di fronti aperti:
dalla questione Sea Watch al dl sicurezza al reddito di cittadinanza
all’autonomia regionale…

«Guardi, il 2019 inizia con la convinzione che dobbiamo fare molto come
governo, ma che ci stiamo muovendo nella direzione giusta. Un passo alla
volta. Non vedo fronti aperti: il dl sicurezza e il reddito di
cittadinanza sono norme che ci sono e i sindaci stanno facendo solo
campagna elettorale, l’autonomia deve essere solidale, ma ci sono due
referendum, quelli veneti e lombardi, che intendiamo rispettare».

E Su Sea Watch?
«Le posso solo dire che se l’Italia avesse fatto come Malta avremmo
avuto tutta l’Europa contro. Abbiamo dato la disponibilità ad
accogliere circa dieci persone: si tratta di donne e bambini e sia Malta sia Sea Watch fanno ostruzionismo, non permettendo lo sbarco e tenendoli a bordo».

L’Ong la critica e dice che lei si è accorto dopo due settimane.
«L’Ong la butta in politica. Io, noi come governo, vogliamo che vengano
tutelati donne e bambini. Che sbarchino a Malta e li accoglieremo».

Su Sea Watch ha scavalcato Salvini?
«Ma no, assolutamente. Non ho sentito Salvini dire che donne e bambini
devono rimanere sulle navi. Anzi. Ci siamo sentiti. Sono d’accordo sulla
linea dura: non possiamo assumerci da soli i problemi dell’Unione
Europea sui migranti».

Ha pesato un pressing dell’Ue nella scelta del governo?
«Non li abbiamo sentiti. Se non è responsabilità dell’Italia stanno tutti zitti».

A proposito di Ue lei sta preparando il suo manifesto per le Europee: su cosa si baserà?
«Il manifesto lo stiamo scrivendo insieme alle altre forze che
comporranno il gruppo. E si fonda su quattro punti: lavoro e diritti
sociali, ambiente, tagli agli sprechi e democrazia diretta e
partecipata, con una riforma della governance europea che preveda meno
poteri per la Commissione e di più per il parlamento. Sicuramente
vogliamo condividere con i nostri alleati la nostra piattaforma
digitale, Rousseau».

Però vi alleerete con partiti anti-sovranisti, siete antitetici a Salvini a Bruxelles.Come farete a governare per il bene del Paese con due posizioni così diverse?
«Come abbiamo fatto finora. Quota 100, reddito di cittadinanza, flat
tax, legge anticorruzione. Abbiamo realizzato già molti punti del
contratto di governo».

È possibile una convergenza post-voto con il Ppe?
«Continueremo a non essere né di destra né di sinistra, né con Ppe o
socialisti. Vogliamo essere l’ago della bilancia e con i nuovi numeri
saranno i gruppi storici a dover venire da noi».

Il
presidente di Confindustria Boccia dice che non è in guerra né con lei
né con Salvini, ma la invita ad andare oltre i tavoli di lavoro.

«Mi fa piacere che con tutti i soggetti che siedono con noi ai tavoli si
siano superate le tensioni che ci sono state all’inizio. Il tavolo
sulle piccole e medie imprese è convocato in maniera permanente. Il
prossimo sarà il 10 febbraio. Sono d’accordo che serva discutere insieme
della visione della politica industriale. Intanto lanceremo presto un
piano per le infrastrutture, perché non siamo quelli del no, useremo sia
i fondi europei sia quelli stanziati nella manovra».

Ha iniziato l’anno nel Bellunese e alla Pernigotti…
«Guardi, sono due situazioni che mi hanno colpito. Ci sono nel Bellunese
milioni di tonnellate di alberi a terra e 80 nuovi punti a rischio
frana. Invito tutti a sostenere quei territori andando in vacanza in
quei luoghi. Per quanto riguarda la Pernigotti, l’interesse del governo è
che lo stabilimento resti aperto e che le persone possano continuare a
lavorare. Non si può dividere il marchio dai lavoratori che ne hanno
costruito la storia. Da questo caso arriverà in Parlamento la “legge
Pernigotti” che impone ai marchi italiani di restare nel territorio nel
quale sono nati».

Secondo un sondaggio Ipsos, nonostante il crescente ottimismo per 3 italiani su 4 l’economia va male.
«L’economia deve migliorare molto. Ma va anche sottolineato che cresce
la percentuale di italiani che ritengono che il nostro Paese stia
andando nella giusta direzione. Nel 2019 si inizieranno a vedere i
frutti della manovra. Mi fa piacere pensare ai fondi per i giovani, un
miliardo per il venture capital. Prevediamo anche un disegno di legge
sull’energia. Ma dobbiamo agire a livello europeo per cambiare le regole
per le procedure di infrazione».

Ha detto che entro il 10 gennaio farete i due decreti per reddito e quota 100. Ce la farete?
«Sì, faremo un solo decreto con dentro quota 100 e il reddito. Stiamo rispettando il cronoprogramma».

Non è incostituzionale escludere gli immigrati dal reddito di cittadinanza?
«Non è incostituzionale. Noi utilizziamo i dieci anni di lungo soggiorno proprio per destinare il reddito di cittadinanza agli italiani».

Da Mantero a Nogarin: cosa pensa di tutti quelli del M5S che sono contro il decreto sicurezza? E della rivolta dei sindaci?
«Tutti i nostri sindaci applicheranno il dl sicurezza perché è una legge
dello Stato. Il punto è migliorare i provvedimenti anche alla luce dei
nostri valori e lo abbiamo fatto. Anche la Lega ha votato alcuni nostri
provvedimenti, pur non essendo totalmente favorevole».

Con la Lega ci sono nodi anche sul taglio degli stipendi: come intende realizzarlo?
«Utilizzeremo la proposta di legge Lombardi che tocca indennità e rimborsi. Mi fa piacere che Salvini abbia detto che si farà».

Le espulsioni non hanno indebolito la maggioranza? Non teme per la tenuta del governo?
«No, gli espulsi già stavano fuori dal conto della maggioranza. Non è
cambiato niente per noi. Tutti devono sapere che non c’è nessun problema
a espellere chi viola le regole. E c’è un voto della base, il 94% degli
attivisti che ha sostenuto il contratto di governo, e nelle regole che
tutti hanno firmato c’è il vincolo di mandato».

Spacchetterete la riforma costituzionale per cercare di avere maggioranze qualificate per alcuni punti?
«La divisione mira ad evitare che vengano modificati altri articoli della Costituzione e a rendere l’iter più veloce».

Che ruolo vede per Di Battista nei prossimi mesi?
«Con lui faremo campagna elettorale insieme, come sempre in prima linea.
Fianco a fianco come abbiamo sempre fatto porteremo avanti tante
battaglie. Le preciso che Alessandro non vuole ruoli, non ha chiesto
ruoli. Lo rispetto e lo ammiro per le decisioni che ha preso».

 

Source: Fabiana Dadone

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Vedi anche

Asti – Cuneo: Ignorare i comunicati del Ministero e la realtà dei fatti non è giornalismo, è propaganda

CondividiFacebookTwitterLinkedinQuesto pomeriggio il Ministro Toninelli, rispondendo durante il Question Time alla Camera, ha ribadito che la fase progettuale e costruttiva dell’Asti – Cuneo è già in corso, che l’iter amministrativo procede regolarmente e che non vi è stato alcuno stop. ...

Questo sito e gli strumenti terzi utilizzati si avvalgono di cookie tecnici e di profilazione,   necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Privacy-Cookie Policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Privacy-Cookie Policy

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.