Home / Fabiana Dadone / In 22 Paesi europei il salario minimo è legge: perché Confindustria e Sindacati sono contro?

In 22 Paesi europei il salario minimo è legge: perché Confindustria e Sindacati sono contro?

di Laura Agea, Efdd – Movimento 5 Stelle Europa

“Il salario minimo legale esiste in 22 Stati Membri dell’Unione europea, 23 se includiamo anche Cipro, dove il salario minimo si applica solo in determinate occupazioni. Lo rivela l’ultimo rapporto di Eurofound, l’agenzie europea per il miglioramento delle politiche sociali e occupazionali. La remunerazione mensile più alta spetta al Lussemburgo con 1.998,59 euro al mese, seguito da Irlanda (1.614 euro), Olanda (1.578 euro), Belgio (1.562,6 euro) e Francia (1.498,5 euro). In fondo alla classifica troviamo Romania (407,3 euro), Lituania (400 euro) e Bulgaria (260,8 euro).

In Italia, Austria, Danimarca, Finlandia e Svezia non esiste uno stipendio minimo stabilito per legge perché i salari vengono stabiliti dai contratti collettivi.
In Italia Sindacati e Confindustria sono contrari all’istituzione di
un salario minimo legale perché preferiscono che la fissazione delle
retribuzioni avvenga appunto tramite la contrattazione collettiva nei
diversi settori. Così sono liberi di impoverire i lavoratori.

Il trattato sul funzionamento dell’Unione europea non conferisce
all’UE competenze in materia di salari e retribuzioni. Tuttavia, i
principi del pilastro europeo dei diritti sociali riconoscono ai
lavoratori il diritto a una retribuzione equa che offra un tenore di
vita dignitoso.

Nella relazione di iniziativa (A8-0040/2016) approvata dal Parlamento europeo abbiamo chiesto che “la
Commissione valuti le modalità e gli strumenti per garantire, a livello
di Stati membri, un salario minimo adeguato, in linea con le prassi e
gli usi nazionali e nel rispetto delle caratteristiche di ciascun paese,
al fine di sostenere la convergenza sociale in tutta l’Unione”
.

In Italia quasi il 12% dei lavoratori dipendenti ha un salario inferiore
ai minimi contrattuali contro una media europea del 9,6%.
Bisogna intervenire soprattutto per difendere i giovani che sono i più penalizzati. In Commissione Lavoro al Senato abbiamo depositato un disegno di legge,
a prima firma Nunzia Catalfo, che istituisce il salario minimo orario.
Così come avvenuto con il reddito di cittadinanza, stiamo lavorando per
affermare i diritti che i partiti hanno negato in questi anni a milioni
di italiani”.

 

Source: Fabiana Dadone

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Vedi anche

ASTI-CUNEO al CIPE come da programma

CondividiFacebookTwitterLinkedinÈ giunta ieri sera al CIPE (Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica) sotto forma di informativa, lo sblocco del cantiere dell’autostrada Asti – Cuneo, come promesso dal Ministro Toninelli durante la visita al cantiere poche settimane fa. L’approvazione del piano ...

Questo sito e gli strumenti terzi utilizzati si avvalgono di cookie tecnici e di profilazione,   necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Privacy-Cookie Policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Privacy-Cookie Policy

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.