Home / Fabiana Dadone / Asti – Cuneo: Ignorare i comunicati del Ministero e la realtà dei fatti non è giornalismo, è propaganda

Asti – Cuneo: Ignorare i comunicati del Ministero e la realtà dei fatti non è giornalismo, è propaganda

Foto: Cuneodice.it

Questo pomeriggio il Ministro Toninelli, rispondendo durante il Question Time alla Camera, ha ribadito che la fase progettuale e costruttiva dell’Asti – Cuneo è già in corso, che l’iter amministrativo procede regolarmente e che non vi è stato alcuno stop. Sembra assurdo dover ribadire costantemente la realtà dei fatti ma non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire.

Il Ministro ha inoltre fatto notare come anche la soluzione adottata dal precedente Governo (la cosiddetta “Soluzione Delrio”) sarebbe stata in ogni caso soggetta al Decreto Genova, che il Parlamento ha approvato proprio per riequilibrare gli intersessi dei concessionari privati, a favore di maggior sicurezza e minori guadagni, indipendentemente dal famoso via libera della Commissione UE. E questo ultimo passaggio i nostri Parlamentari locali (avendolo affrontato in Parlamento) dovrebbero saperlo bene, invece di fare dichiarazioni azzardate su altre modalità e tempistiche che non trovano riscontro nella realtà dei fatti.

In relazione all’articolo pubblicato nella giornata odierna su il Fatto Quotidiano dal titolo “Asti-Cuneo, l’Authority boccia l’intesa coi Gavio” Il Ministero ha chiarito come l’articolo riporti un’erronea ricostruzione dei fatti, che tale operazione, finanziariamente, risulta nettamente migliorativa rispetto a quella del precedente Governo e ha precisato che la valutazione formulata dall’ART sulle proposte di piano economico-finanziario sarà desumibile unicamente attraverso apposita delibera, che verrà a breve pubblicata in seguito alla procedura di consultazione pubblica.

 

Source: Fabiana Dadone

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Vedi anche

Alpi del Mediterraneo patrimonio UNESCO, da Governo impegno a ri-presentare la candidatura

CondividiFacebookTwitterLinkedinLa candidatura delle Alpi del mediterraneo a patrimonio dell’umanità Unesco è stata ritirata nella giornata di ieri. La decisione è stata presa in seguito alle richieste di Principato di Monaco e Francia in quanto non ci sarebbe stata la certezza ...

Questo sito e gli strumenti terzi utilizzati si avvalgono di cookie tecnici e di profilazione,   necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Privacy-Cookie Policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Privacy-Cookie Policy

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.